TerritOri - Percorsi formativi sul Piano Paesaggistico della Toscana

La Regione Toscana, in collaborazione con Anci Toscana e Ti Forma, ha dato vita al Progetto “Percorsi formativi sul Piano Paesaggistico della Toscana”, che ha per oggetto la realizzazione le gestione di percorsi formativi finalizzati a diffondere la conoscenza dei contenuti del nuovo Piano e a supportarne una applicazione efficace nell’esercizio delle funzioni di governo del territorio da parte delle Istituzioni interessate.
 

Il progetto, denominato 'Progetto territori' si compone di due percorsi formativi di una durata di 80 ore complessive.

Il primo percorso, dal titolo "I fondamenti del Piano" prevede tre corsi di formazione, per un totale di 42 ore, ed ha l'obiettivo di fornire un quadro conoscitivo del Piano, della sua struttura concettuale e di come si declina a livello regionale e locale.

Il secondo percorso, dal titolo "La dimensione operativa del Piano", prevede altri tre corsi per un totale di 38 ore. Ha l'obiettivo di far capire come è possibile applicare il Piano a livello locale, con lezioni frontali e interattive organizzate anche in forma di laboratorio.

I percorsi formativi saranno gratuiti e potranno coinvolgere fino ad un massimo di 1600 partecipanti, dei quali 1200 provenienti dal personale tecnico/amministrativo della Regione Toscana, dei Comuni, della Città Metropolitana, delle Province e degli Enti Dipendenti oltre che del MiBACT. Altri 400 posti saranno riservati a liberi professionisti toscani, in modo particolare architetti.

I corsi si terranno in sedi distribuite su tutto il territorio regionale (Firenze, Pisa, Siena, Lucca etc). La tradizionale formazione in aula sarà affiancata da e-learning, esercitazioni, confronto tra i partecipanti.

Le attività inizieranno a partire dal 10 maggio 2016. Il ciclo formativo terminerà entro dicembre 2017.

I due percorsi formativi:

I fondamenti del piano

Il percorso si compone di tre corsi di formazione della durata complessiva di 46 ore e ha l’obiettivo di tradurre le innovazioni del Piano in un quadro conoscitivo sistematico dei fondamenti del piano, ovvero della struttura concettuale e operativa che il piano viene ad assumere a livello regionale e locale.

 

Il corso, a partire dall’evoluzione del quadro normativo nazionale e regionale, definisce la riarticolazione delle forme e modalità di tutela dei beni paesaggistici, i problemi di definizione, prescrittività, gestione e cogenza della struttura normativa.

Il corso illustra gli avanzamenti metodologici e tecnici nella descrizione e rappresentazione e georeferenziazione cartografica dei paesaggi regionali nelle diverse tematiche e scale: struttura e patrimonio paesaggistico, beni paesaggistici, invarianti strutturali, caratteri percettivi, perimetrazioni dell’urbanizzato.
 

Il corso affronta la definizione metodologica e operativa delle quattro invarianti strutturali che stanno alla base della interpretazione e rappresentazione identitaria del patrimonio territoriale secondo le componenti individuate dalla LR 65/2014 e delle indicazioni normative riferite all’intero territorio regionale alle diverse scale.

La dimensione operativa del piano

Il percorso si compone di tre corsi di formazione della durata complessiva di 44 ore e si pone l’obiettivo di approfondire le tematiche in forma sistematica affrontando la dimensione operativa del piano a livello locale con lezioni frontali e interattive organizzate anche in forma laboratoriale. Ogni modulo dettaglierà i caratteri e le peculiarità degli ambiti in cui si tiene la lezione.

 

Il corso richiamerà i fondamenti della pianificazione paesaggistica e dell’architettura del PIT-PPR, illustrerà la definizione degli ambiti di paesaggio nella legge nazionale e nell’operatività delle schede d’ambito; i caratteri e le opportunità di valorizzazione dei paesaggi rurali storici; gli aspetti legati alla conformazione degli statuti locali allo statuto regionale; l’attuazione delle norme dello statuto del territorio mediante azioni strategiche capaci di mettere a sistema obiettivi di natura intersettoriale (idrogeomorfologici, ecologici, urbanistici, rurali).
 

Il corso si occuperà dei profili giuridico amministrativi dell’attuazione del piano paesaggistico, illustrando i procedimenti per la conformazione e l’adeguamento nella disciplina del PIT – PPR; degli effetti conseguenti alla individuazione delle aree ex art. 143, comma 4; della disciplina dei beni paesaggistici nell’Ambito di Paesaggio e del recepimento delle prescrizioni d’uso nella strumentazione operativa.

Il corso fortemente interattivo è incentrato sui processi di costruzione degli Osservatori Locali del Paesaggio, affronterà la normativa nazionale e internazionale di riferimento; le funzioni analitiche, valutatorie, e i sistemi di indicatori utilizzati nella gestione degli Osservatori; le pratiche condivise di relazione fra saperi contestuali e saperi esperti, per finire con una simulazione del processo di formazione e/o di consolidamento di un osservatorio locale.